Alla 72esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia l’esordiente venezuelano Lorenzo Vigas porta a casa il Leone d’oro con il film “Desde allà”, una storia d’amore e solitudine a Caracas. Mentre l’attrice italiana Valeria Golino ottiene la Coppa Volpi, il massimo riconoscimento individuale come migliore attrice, con il film “Per amor vostro” di Giuseppe Gaudino.

La Mostra del Cinema, si sa, è un evento straordinario per Venezia. Proiezioni, red carpet, attori, danze e feste si susseguono, tanto che l’intera città si accende diventando essa stessa il set di un infinito film veneziano. Questa 72esima edizione ha portato alla ribalta temi forti e provocatori ed in sala e sul red carpet si sono visti sfilare attori irriconoscibili, come Jonny Deep che nel film “Black Mass” veste i panni di un feroce criminale, o Eddie Redmayne che in “The Danish girl” si trasforma nella prima transessuale della storia. Dai toni molto forti anche il film che ha aperto la Mostra, “Everest”, sulla spedizione del 1996 che costò la vita a otto scalatori. Ma è stata anche la Mostra che più di tutte ha premiato l’amore: vincitore del Leone d’Oro il regista esordiente venezuelano, Lorenzo Vigas, con il film “Desde Allà”, una storia aspra e disincantata di amore e traumi. Mentre tutto italiano è il Premio Volpi per la migliore attrice, consegnato a Valeria Golino interprete del film “Per amor vostro” di Giuseppe Gaudino. Tra i giurati di Venezia 72, che hanno assegnato i premi ai 20 lungometraggi in concorso nella selezione ufficiale c’erano anche l’attrice tedesca Diane Kruger e l’attrice e regista statunitense Elizabeth Banks, mentre sempre elegantissima sul tappeto rosso la madrina della kermesse, la top model, Elisa Sednaoui.[easymedia-gallery med=”16227″ filter=”1″]