La storia, i pericoli e la suggestione di Cappuccetto Rosso, il Lupo e il Cacciatore rivivono nella serata “Il Bosco” realizzata durante il Carnevale di Venezia.

Pensiamo ad un Bosco ed immergiamoci tra le sue ombre e la sua vegetazione impenetrabile, ma tra la nebbia ed il fitto fogliame si mostrano creature ed animali. Ecco apparire la magica serata ispirata alla favola di Cappuccetto Rosso, comparsa tra un circo di belve, cacciatori e lupi cattivi. Ambasciatori dell’evento Nicola Parente insieme alla creatività di Giacomo Alberotanza e Daria Vitali. Suggestive ambientazioni per le nobili sale del Palazzo Vendramin Calergi, uno dei più illustri sul Canal Grande. Durante la cena conigli musicisti, ballerine vestite solo di fiori e lupi mannari hanno allietato i tanti ospiti che hanno applaudito le acrobatiche performance di Underwood Vaudeville, coordinate da Madame Freitas, sulle note della Band Fluon, diretta da Andj. Solo per lupi e cacciatori è stato ricreato lo storico 1930 Club di Milano. Per il dopo cena i tantissimi cappuccetti rossi insieme alle creature del bosco sono stati invitati all’interno della cristallina struttura del Capsula, adibita a discoteca, dove i dj Andrea Martini, Nicola Zucchi e Simone Kool Dek hanno fatto scatenare i tantissimi ospiti. Sui tavoli spiccava la vodka Ciroc, tantissime Red Bull e lo spumante Ombre, novità tutta veneziana, sfida dei giovani imprenditori Giavanni Toffanello e Luca Maria Crestani. Si è conclusa così una serata incantata dal fascino e dalla fattura esclusivi.