Apre Musme, il Museo della Medicina, unico al mondo: touchscreen, videoproiettori, luci, amplificatori audio fanno rivivere i reparti esposti mostrando un centro propulsore di cultura medica, un punto di riferimento aperto alla ricerca e alle nuove frontiere della scienza. 

Screenshot 2015-11-30 20.16.04Il Museo è ospitato nel palazzo dell’ex ospedale, uno dei primi del mondo, fondato a Padova nel 1414, in via San Francesco 94. La provincia di Padova, proprietaria della sede dell’antico ospedale San Francesco Grande, ha restaurato l’edificio per realizzare un museo in grado di raccogliere ed esaltare la memoria storica del grande passato che ha illuminato, con il proprio sapere medico, tutta l’Europa. Nel 2008 è stata costituita la “Fondazione Museo di Storia della Medicina e della Salute in Padova” per raccogliere, custodire e valorizzare le testimonianze di una cultura medica e scientifica padovana che ieri, come oggi, rappresenta un’eccellenza a livello internazionale. Con il prezioso apporto del Comitato scientifico e con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo per l’allestimento, il Museo oggi rappresenta un’imperdibile occasione di visitare un luogo che coniuga una storia antica con la moderna tecnologia. Una tecnologia silenziosa, con un riconoscimento della posizione e dei movimenti del corpo nello spazio, riconoscimento della posizione delle dita della mano nello spazio, touchscreen, videoproiettori, luci, amplificatori audio: sono solo alcune delle tecnologie alla base di un sistema integrato che ha avuto come obiettivo quello di “far vivere” i reperti esposti, rendendo unica l’esperienza all’interno del museo. Screenshot 2015-11-30 20.16.13Considerato unico al mondo dalla Lonely Planet, la casa editrice australiana, produttrice di una delle più autorevoli guide turistiche del mondo, il Musme offre un percorso interattivo, attraverso il quale si possono vedere gli organi, un autopsia virtuale su un modello umano lungo otto metri, sfogliare antichi volumi di medicina, misurare i parametri virtuali come dal dottore. Un modo anche per far conoscere in maniera divertente gli scienziati grazie ai quali anche la nostra vita è migliorata. Al suo interno ci sono 300 reperti, una collezione frutto del patrimonio storico dell’Università di Padova, dell’azienda ospedaliera, dell’ULSS, dell’archivio di Stato di Padova e dei Musei Civici. Questo Museo è un centro propulsore di cultura medica, un punto di riferimento aperto alla ricerca e alle nuove frontiere della scienza. Per chi studia o ha studiato medicina, bussare (letteralmente) ed essere accolti da Galileo, Vesalio, Vallisneri e altri personaggi che ti raccontano la loro storia, sfogliare libri di medicina del 1400, diventa un’esperienza unica.