Classe 1981, Nicola Cogo è il nuovo chef di Si Streetalian Food, il ristorante situato nel cuore di Padova nel luglio 2018, che ha impostato la sua offerta su una cucina rassicurante e profondamente italiana. Tutti i piatti sono frutto di un gustoso percorso gastronomico, che da nord a sud ripercorre le ricette della vera tradizione italiana.

Lo chef Nicola Cogo

Dopo aver frequentato la scuola Étoile di Chioggia, specializzandosi anche in cucina regionale italiana, e approfondito l’arte bianca con il maestro di panificazione Piergiorgio Giorilli, lo chef Cogo non si è mai fermato, mettendo alla prova le sue capacità culinarie e manageriali sia all’interno di ristoranti tristellati come il Vue du Monde di Melbourne e il Jean Georges di New York, sia in importanti gruppi di ristorazione internazionali – come Cipriani di New York – e padovani – come Caffè Diemme e il gruppo Alajmo. Dopo aver curato il lancio di numerosi ristoranti in giro per il mondo, ha deciso di ritornare nella sua città di origine e raccogliere questa ennesima stimolante sfida a fianco di Alessandro Mazzone, direttore di sala di Si Streetalian Food.

Fonte: Sì Streetalian Food

A proposito dell'autore

Caporedattrice

Una laurea in lettere con la predilezione per l'organizzazione di eventi. Amante di tutto ciò che fa perdere tempo e contribuisce a trascurare la concretezza, aiutata in questo da astratti studi umanistici. Una passionaria. Di tacchi a spillo e vestiti. Di viaggi e letteratura. Di enogastronomia e scrittura. Di cucina e vino. Della carne che cuoce sulla brace e del rito magico delle tagliatelle fatte in casa. Delle mille storie che ti racconta un vino e dei ricordi che ci puoi nascondere dentro. Dei filari di viti immersi nella luce calda dell’imbrunire, con tutta la loro poesia. Della vita. Ha dei gusti semplici, si accontenta sempre del meglio. Lo diceva anche Oscar Wilde. Un'Amélie Poulain di provincia che sogna le grandi metropoli e coltiva un amore profondo per Milano. Si commuove di fronte al suono di un pianoforte, alle mille sfumature rosa dei tramonti, ai quadri impressionisti e ai vestiti di Giambattista Valli

Post correlati