Impronta Italiana Design, dà voce ai propri progetti d’arredo attraverso una suggestiva installazione presentata a Milano in occasione della Design Week

Impronta Italiana Design, brand di origini venete specializzato nel settore dell’interior design, si trasferisce a Milano in occasione della design week, in programma fino al 9 aprile, per dar voce ai propri progetti d’arredo attraverso una suggestiva installazione presentata in via San Gregorio 53, scala C, quarto piano. L’installazione è intitolata PLASMA – ATOS / COSA PLASMATA ed è composta da un nuovo concetto di arredo, uno stile che esplora nuove combinazioni e composizioni, utilizzando tra i più nobili e ricercati materiali, il tutto valorizzato da una radicata esperienza manifatturiera artigianale, made in Italy.

La collezione spazierà tra le varie aree home, e sarà composta da: lampade a sospensione, HALF MOON; tavoli bassi, TWIN; parete magnetica, TACATE; boiserie trapuntata, RAKU; madia, CHEST;  divano componibile, MAHJONG ; caminetto a bio-alcol, CERINO; paravento, SHANGHAI; poltroncina, LOTO; vaso, JAR; tavolo da pranzo, MANTIS; armadio, LAURENT; boiserie, YVES; letto, FLY; comodino, NUT; tavolo basso, DORIAN.
L’allestimento traduce la filosofia di un brand dalle qualità italiane, ma dalla mentalità internazionale, che ha l’obiettivo di produrre una linea personalizzata di interior design, in grado di ascoltare le esigenze e i gusti del cliente, nel plasmare le loro idee e creare uno spazio ideale per chi lo abiterà, proprio come fosse un vestito sartoriale che dà voce alla propria anima e alle proprie emozioni.

A proposito dell'autore

Simona Pahontu
Caporedattrice

Una laurea in lettere con la predilezione per l'organizzazione di eventi. Amante di tutto ciò che fa perdere tempo e contribuisce a trascurare la concretezza, aiutata in questo da astratti studi umanistici. Una passionaria. Di tacchi a spillo e vestiti. Di viaggi e letteratura. Di enogastronomia e scrittura. Di cucina e vino. Della carne che cuoce sulla brace e del rito magico delle tagliatelle fatte in casa. Delle mille storie che ti racconta un vino e dei ricordi che ci puoi nascondere dentro. Dei filari di viti immersi nella luce calda dell’imbrunire, con tutta la loro poesia. Della vita. Ha dei gusti semplici, si accontenta sempre del meglio. Lo diceva anche Oscar Wilde. Un'Amélie Poulain di provincia che sogna le grandi metropoli e coltiva un amore profondo per Milano. Si commuove di fronte al suono di un pianoforte, alle mille sfumature rosa dei tramonti, ai quadri impressionisti e ai vestiti di Giambattista Valli

Post correlati