L’ARTISTA BRASILIANO NEO-POP ROMERO BRITTO FIRMA LA NUOVA LINEA DI RACCHETTE WILSON. hashtag di riferimento: #Wilson

I suoi colori vivaci e saturi sui telai delle racchette Wilson avvicinano il tennis all’arte all’insegna del claim della campagna “Spread the Love”. Ecco la prima collezione di racchette da tennis nel suo genere ispirata, in un messaggio di umanità, a raccontare l’uguaglianza tra gli uomini.

La visione artistica e lo stile dell’artista brasiliano neo-pop Romero Britto portano il mondo Wilson in un mood di gioia e di esplosione di colori. L’artista di fama internazionale ha fondato l’Happy Art Movement nel 1992 con la missione di ispirare felicità, divertimento, amore e ottimismo in tutto il mondo attraverso la sua arte unica e i suoi colori vivaci. Le racchette scelte per questa collaborazione sono tre: la Ultra 100, la Clash 100 e la Clash 100L; e tutte sono disponibili solo ed esclusivamente sul sito Wilson.com, ovviamente in edizione limitata.

Entrando nel merito delle opere, ad ogni modello Britto ha associato un messaggio: amore per la Ultra 100 (love), apertura e disponibilità nei confronti degli altri (inclusiveness) per la Clash 100L e gentilezza per la Clash 100 (kindness).

In tutto il mondo, la produzione artistica di Romero è riconosciuta come l’arte della vita felice che trasmette attraverso l’intreccio di colori vivaci, linee curve e forme amorose. Filosofia che si sposa benissimo con la mission del brand americano, che punta in ogni sua campagna sui valori dello sport, del divertimento e del vivace mondo giovanile.

La collezione Wilson Britto comprende oltre ai telai, anche accessori antivibrazioni e borse.


Warning: strpos() expects parameter 1 to be string, array given in /home/customer/www/gothanews.com/public_html/wp-content/plugins/wp-optimize/minify/class-wp-optimize-minify-fonts.php on line 203

Warning: strpos() expects parameter 1 to be string, array given in /home/customer/www/gothanews.com/public_html/wp-content/plugins/wp-optimize/minify/class-wp-optimize-minify-fonts.php on line 203