La nuova edizione in 3D del celebre video di Michael Jackson sarà presentata in anteprima mondiale alla Mostra del Cinema di Venezia

In uno dei giorni compresi fra il 30 agosto e il 9 settembre, nel corso dell’edizione 2017 dell’annuale Mostra del Cinema che si terrà nella città lagunare, verrà presentata in anteprima mondiale la versione in 3D di Thriller, il videoclip di Michael Jackson. Verrà proiettato anche il documentario sul making of del video, che in passato era stato disponibile in videocassetta ma non è più disponibile in formato DVD.
Diretto da John Landis, lungo quasi 14 minuti, il video di Thriller venne proiettato per la prima volta all’Avco Theatre di Los Angeles nel 1983, rimanendo in programmazione per tre settimane.

Michael Jackson 1988

John Landis – che del video ha scritto anche la sceneggiatura insieme a Michael Jackson:

Tutte le copie attualmente in circolazione del video sono di scarsa qualità, il che mi fa diventare matto, Ho cercato di rimettere mano sul negativo originale, per riportarlo nella condizioni originarie. Ma non l’ho restaurato, l’ho migliorato.

Landis ha supervisionato il procedimento in laboratorio, e la conversione in 3D del negativo originario in versione integrale, oltre che la rimasterizzazione dell’audio – non solo la canzone, ma anche la colonna sonora degli effetti sonori, scritta e diretta da Elmer Bernstein.

John Branca, che gestisce l’eredità di Michael Jackson, aggiunge:

Rivedere Thriller in questa versione, in una sala cinematografica, ha un impatto incredibile. Michael l’avrebbe adorato. E stiamo per annunciare altre iniziative spettacolari.

 

A proposito dell'autore

Simona Pahontu
Caporedattrice

Una laurea in lettere con la predilezione per l'organizzazione di eventi. Amante di tutto ciò che fa perdere tempo e contribuisce a trascurare la concretezza, aiutata in questo da astratti studi umanistici. Una passionaria. Di tacchi a spillo e vestiti. Di viaggi e letteratura. Di enogastronomia e scrittura. Di cucina e vino. Della carne che cuoce sulla brace e del rito magico delle tagliatelle fatte in casa. Delle mille storie che ti racconta un vino e dei ricordi che ci puoi nascondere dentro. Dei filari di viti immersi nella luce calda dell’imbrunire, con tutta la loro poesia. Della vita. Ha dei gusti semplici, si accontenta sempre del meglio. Lo diceva anche Oscar Wilde. Un'Amélie Poulain di provincia che sogna le grandi metropoli e coltiva un amore profondo per Milano. Si commuove di fronte al suono di un pianoforte, alle mille sfumature rosa dei tramonti, ai quadri impressionisti e ai vestiti di Giambattista Valli

Post correlati